MotoGP Argentina, Le pagelle tutte pesce d’Aprile

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Ridere fa bene anche ai piloti MotoGP che ieri hanno corso la seconda gara in campionato sul tracciato argentino e quindi visto che l’occasione lo permette, le pagelle di oggi vogliono essere comiche.

di: Sanda

1 Aprile 2019 – Si è conclusa ieri a Termas de Rio Hondo la seconda tappa in campionato MotoGP con la distaccata 71° vittoria per Marc Marquez (Repsol Honda Team) seguito da un intraprendente Valentino Rossi (Monster Yamaha MotoGP) e un opaco Andrea Dovizioso (Mission Winnow Ducati Team) in terza posizione. Già che l’occasione fa l’uomo ladro, oggi farò delle pagelle tutt’altro che serie…

MARQUEZ – Arriva e si prende la vetta di tutte le classifiche (solo FP2 no), fa la pole position e dopo si permette anche di vincere con quasi 10 secondi di distacco. Evidentemente al campione in carica gli piace vincere facile ma che gusto c’è andare così forte da non farti neanche inquadrare dalle telecamere?

ROSSI – Un po’ impacciate le prove libere ma stranamente bene in qualifica e poi una gara che fa sperare nella lotta per il titolo quest’anno. Ma la domanda sorge spontanea, non è arrivato il momento per il Dottore di farsi da parte e lasciare i suoi alunni andare sul podio?

DOVIZIOSO – Partito fin troppo bene nelle prove e qualifiche ma poi in gara sembrava un altro. Magari tutto il tram tram di questi giorni ha fatto girare il famoso sul “cucchiaio”?

MILLER – Considerata la sua fama sul tracciato argentino sinceramente mi aspettavo di più ma ovviamente all’australiano non piace correre senza dover lanciare pezzi sulla pista. Se metteva le RAIN avrebbe vinto sicuro…

CRUTCHLOW – Troppi errori per un solo weekend, il britannico prometteva parecchio dopo le libere ma in qualifica ha buttato via la prima fila per poi applicare il passaggio all’ora legale allo start. Cal è partito due centimetri prima degli altri e alla RD poco glie né fregato che stava nel gruppo degli otto pazzi li davanti che ci hanno fatto divertire per tutti i 25 giri mandandolo a guardare l’ora nella pit lane.

MORBIDELLI – Dolce e gentile nella guida in prove ma per la gara gli hanno messo troppo peperoncino nella tutta ecco spiegato lo zero con botto coinvolgendo all’ultimo giro l’ignaro Vinales che se non si sveglia prima finirà nel team satellite.

LORENZO – Eh, che dire di Jorge, ha fatto del suo meglio considerando la mancanza di grip, gomme ingannevoli, condizioni fisiche  e fase di adattamento alla RC213V ma io mi chiedo, non sarà gioco che nel suo box gli insegnino ad accenderla sta’ benedetta HRC? Anche perché dopo la sa far andare visto che ha la terza speed con soli 2,2 km/h meno veloce di Jack al top.

La MotoGP tornerà in pista ad Austin in Texas tra due settimane dove sicuramente né vedremo di sparate….

<3

foto: motogp.com

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Sanda

Amo raccontare quello che per me è lo sport più bello al mondo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *